Wednesday, 29 August 2018 15:36

Turtle House, la casa di Tiziano Terzani

Written by
Rate this item
(0 votes)

Tiziano Terzani era un giornalista e scrittore italiano, nato a Firenze nel 1938, considerato uno dei giornalisti italiani di maggior prestigio a livello internazionale ed autore di grande successo, con oltre 2.500.000 copie vendute. Profondo conoscitore dell’Asia e viaggiatore instancabile, è vissuto grazie al suo lavoro a Pechino, Hong Kong, Singapore, Tokyo e Bangkok, diventando testimone di alcuni fra i più importanti eventi storici della seconda metà del Novecento.
Proprio a Bangkok, in Thailandia, Terzani stabilì la propria residenza per diversi anni e la sua casa divenne famosa dopo che venne menzionata nel libro “Un indovino mi disse”, pubblicato nel 1995, in cui racconta gli avventurosi viaggi vissuti per terra e per mare dopo che un indovino gli sconsigliò di prendere l’aereo per un anno, sostenendo che in caso contrario avrebbe corso un grave rischio.

“Turtle House” era il nome della casa thailandese di Tiziano Terzani, così nominata dallo stesso per via di una grande tartaruga che viveva nello stagno adiacente, descritta nel suo libro come “una casa bella e fatata”, “un’oasi di vecchio Siam in mezzo all’orrore del cemento”. Terzani, infatti, lamentava lo sviluppo accelerato vissuto dalla Thailandia e la conseguente perdita delle sue tradizioni e del contatto con la natura, che lui tanto amava. Scriveva infatti: “Le vicende dello stagno, del giardino e degli animali erano una grande distrazione, ma anche la continua constatazione di quanto e’ importante per l’uomo aver attorno a se’ un po’ di natura, osservarla, impararne la logica e goderne”.
Turtle House è sopravvissuta al suo proprietario e, dopo essere stata la residenza di altri autori ed artisti, nonché luogo di riunione per diplomatici e politici, è ora un ristorante di cucina thailandese, che molti italiani visitano, come fosse un luogo di pellegrinaggio, soprattutto in quanto fan di Tiziano Terzani più che della cucina locale.
Turtle House ha conservato la sua bellezza incantata, con alberi altissimi e con tavoli che si affacciano sullo stagno della famosa tartaruga, che ancora vi abita assieme a numerosi pesci colorati.
Attorno allo stagno vi sono tre gazebo, che sono stati ampliati e ristrutturati, ai cui piedi si trovano alcune vecchie barche tradizionali thailandesi.
Fra la fitta vegetazione che protegge la casa dall’intenso traffico di Bangkok, il giardiniere Sing, che lavora a Turtle House da più di quarant’anni, ancora accende lampade e candele in quantità, che contribuiscono a rendere unica l’atmosfera.

Read 100 times Last modified on Tuesday, 04 September 2018 07:32
More in this category: « Wat Chalong Phang Nga »